I giardii del Casoncello

 

I giardini del Casoncello sono un piccolo capolavoro di botanica e di arte, frutto della cura e dell'amore della proprietaria, Gabriella Buccioli, che, da sola, è riuscita a trasformare il piccolo podere di famiglia, abbandonato da decenni, in un luogo affascinante e suggestivo, dove è possibile ammirare centinaia di specie botaniche, sia comuni che rare.

 

Aperti al pubblico dal 1996, i Giardini si compongono di varie "situazioni vegetali" (prato misto, orto-giardino, bosco-giardino, giardino delle erbe, giardino frutteto, siepi miste, bordure di erbacee perenni, zona d'acqua, giardino roccioso) articolate in una serie di piccoli giardini e spazi più ampi, che creano un'alternanza di situazioni affascinanti e mutevoli.

I giardini sono anche un luogo di diffusione e di conservazione di fiori e piante spontanee locali, che crescono, senza sfigurare, insieme a piante rare o "auliche" in un ambiente di tipo apparentemente informale e spontaneo, entro spazi costruiti con sapiente gusto artistico e pittorico.

 

Le visite guidate primaverili e autunnali propongono un approccio plurisensoriale del giardino: non solo visivo, ma anche tattile e olfattivo. Foglie morbidissime o rugose, fiori, cortecce e radici che emanano profumi inebrianti o odori acri, pungenti...
L'origine e la storia di questi giardini sono ora raccontate in un libro, dal titolo suggestivo, quanto veritiero "I giardini venuti dal vento - Come ho costruito il mio giardino secondo natura" (edizioni Pendragon).

pianta dei giardini
pianta dei giardini

tour virtuale